background

BOOK TRAILER

mockup-libro

Tutti gli utili verranno destinati in borse di studio.

UNA RAGIONE, LA FORZA, IL TRAGUARDO

L’AUTORE

orazio-torrisi

Orazio Torrisi

Avvocato cassazionista del Foro di Catania, è consigliere dell’ordine degli avvocati con delega alla formazione e aggiornamento professionale.

Profondamente innamorato della sua professione e impegnato da sempre nel mondo delle associazioni, ha in particolare contribuito alla creazione di “Ad Maiora” – Carmen Scalisi associazione giuridico forense -, della quale è presidente onorario, e del movimento interprofessionale “Motus”, di cui è attuale presidente.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RICEVERE UN ESTRATTO

  • Inizia come un lento, per finire come un assolo jazz. Leggere questo libro mi ha dato speranza di giustizia. Il personaggio di Enrico è creato alla perfezione, vicino al cuore di un avvocato e di un padre di famiglia. Lo stile di scrittura è scorrevole, adatto a chi ama i racconti pieni di conversazioni interpersonali tra i personaggi. Da leggere tutto di un fiato per non perdere il ritmo creato ad hoc dall’autore. Se dovessi dargli un voto sarebbero 5 stelle piene.

    Emilio B.
  • Un’avventura avvincente tra legge ed emozioni pure. Un thriller avvincente dove vari interpreti si legano alla storia di vita di Enrico Palmieri, un avvocato che deve prendere decisioni importanti che potranno cambiare le sorti di tutti quelli coinvolti, anche della sua famiglia. Coraggio, passione e determinazione: ecco cosa mi ha trasmesso. Lo rileggerò di nuovo.

    Giulia G.
  • Quando ho letto “La scelta” sono state diverse le emozioni che mi hanno travolto, però quella che è rimasta perpetua per tutta la lettura è stata quella della sorpresa. Ad ogni capitolo c’è un tassello che si avvicina alla verità e al cuore dei personaggi coinvolti. Il finale non è subito intuitivo, di volta in volta la scrittura ti guida verso un mondo che pensavo fosse più spietato e meno umano. Consigliatissimo

    Rosanna M.

Leggi un estratto

mockup-dimezzo
Ai lettori

Qualunque sarà la Scelta che possa essere fatta, lo spaccato che viene narrato in queste pagine è frutto di una società aggressiva e violenta, che coinvolge ed involge ogni categoria professionale, nessuna esclusa, e ogni dimensione privata.

1. Il sogno di una vita

…Uno sguardo d’attesa il suo, perché sa che devo decidermi, le sue aspettative sono interamente focalizzate su questa Scelta.  

Non ci è dato sapere con certezza cosa diventeremo, ma arriva un tempo in cui non possiamo esimerci dal rispondere. I propri sogni e le proprie ambizioni si incontrano con le aspettative dei propri cari. Tante ansie e tante preoccupazioni, ma un sogno. Questo nella mente di un ragazzo quando tutto doveva ancora accadere.

2. Certi Momenti

Sono stanco, anzi stanchissimo. E nel pur consueto ritornare a casa avverto qualcosa di insolito: incerto nella via, incerto di tutto, mi sento in preda ad un curioso sgomento.  

La quotidianità scorre con il susseguirsi di sentimenti contrastanti e anche piccoli episodi possono portare alla mente eventi del passato, o far fantasticare sul futuro e ti lasciano qualcosa su cui riflettere, non scordando il rigore e l’etica che implica la professione, imprescindibili anche quando ti senti di perdere il controllo.

 

3. Ricordi e mancanze

Che mi sta succedendo? Perché proprio io? 

Si procede tra riti ormai ventennali di persone e luoghi familiari e novità che portano quel brio inaspettato. Nessuno immaginerebbe che tutto possa stravolgersi di colpo. Una strana inquietudine, però, sembra presagire altro.

 

4. L’agguato

Ciascuno di noi va incontro a errori, questo è chiaro, e sotto una toga siamo esseri umani prima ancora di rivestire un ruolo nella società. 

Un evento inaspettato irrompe nella mia vita con tutta l’irruenza e la crudeltà di cui solo una mente squilibrata può esserne l’artefice. Ma se così non fosse, chi può esserci dietro un gesto così distruttivo?

La verità è nei particolari, ricordo a me stesso. Devo rileggere la scena in tutti i suoi dettagli, così come sono abituato a fare, ed è in quelli che devo cercare le risposte.

5. Rimembranze

Qualcosa che si chiama destino mi porta alla mia professione ed a ripensare a come si è trasformata la mia vita.

Niente è come prima. Mi aggrappo ai ricordi del passato, con tenera nostalgia, mentre importanti passi avanti stravolgono la mia vita personale. “Sei felice?”, mi chiese.

“Sì”, io risposi.

6. Nulla è come sembra

Questa volta sei davvero decisa, questa volta te ne vai. Vorrei urlarti di restare ma non me lo merito. È troppo tardi. Non riesco nemmeno a chiederti aiuto, per cercare insieme la strada che ho smarrito ed uscire dal tunnel in cui vi ho condotto.

Scorrono veloci flashback nella mia mente e mi riportano all’attenzione la spensieratezza e l’energia dell’infanzia e dell’adolescenza, quando tutto era adrenalina e novità. La vita adulta di un professionista sa invece essere molto dura, quando la realtà contrappone la logica a ciò che provi e quando ti sembra di rinunciare a ciò che per te era la cosa più importante.

7. Ogni inizio ha una fine

Anch’io nutrivo le mie insicurezze e paure. Un avvocato non è un supereroe, ma un uomo, prima di tutto, con tutte le debolezze e incertezze che attanagliano ognuno di noi.  

Entrare nella vita degli altri e riceverne la fiducia comporta inevitabilmente un confronto e un immedesimarsi. Ti lasci prendere dai sensi di colpa e cerchi di trovare una soluzione, ma nessuna difesa è legittima quando fai i conti con te stesso ed i sensi di colpa devono cessare in virtù della fermezza che deve contraddistinguere l’uomo di diritto, anche di fronte all’amico, anche quando sei la sua ultima speranza.

8. Una vita al capolinea

“Mi spiace, ma non posso aiutarti. Per salvarti non ti resta che seguire la legge e ripartire da zero”.

È consuetudine pensare che ciascun avvocato possieda poteri quasi magici e riesca miracolosamente a salvare ciò che è stato compromesso dall’attività di altri. Ma i miracoli non sono di competenza degli avvocati, i quali possono prestare le proprie competenze giuridiche nell’esercizio e nell’espletamento del proprio mandato.

9. Ricordi in volo

Trovare soluzioni è un compito che produce dipendenza, in un panorama infinito di altri compiti. Una continua ricerca di vie di fuga che ti mozza il fiato lasciandoti sempre sul filo del rasoio, fino a quando non conoscerai l’esito della tua scelta. Ma è proprio da lì, da questo non sapere, che scatta l’adrenalina.

L’angoscia per le situazioni che non scorrono come dovrebbero viene spazzata via da una telefonata. Un’ottima occasione, desiderata da tempo, si presenta alla porta. E’ il momento di tirar fuori la grinta e l’adrenalina, fare gioco di squadra con i colleghi, senza farsi sopraffare dai rimorsi e dalle mancanze.

10. Bisogna solo aprire gli occhi

È vitale distaccarsi da noi stessi, dallo spazio che occupiamo, dal ruolo che svolgiamo. Per guardarci come se guardassimo un altro, da fuori verso dentro.

Tra i flash del periodo più cupo, di cui porto ancora i segni, si intrecciano le storie dei vari clienti, che mi riversano addosso le loro paure, la loro rabbia, le loro frustrazioni. Restare imparziali è difficile, ma necessario.

 

11. Il risveglio

Da ogni impedimento possiamo trarne vantaggi e benefici. Da lì a poco avrei ripreso in mano la mia vita.

E se un punto che sembrava di chiusura rappresentasse invece un nuovo inizio? Le persone che mi hanno affiancato e sostenuto sono state il mio punto di forza. Adesso bisogna ripartire.

12. Un puzzle incompleto

Pietro continua le indagini con le testimonianze dirette di amici e conoscenti, con l’intenzione di accostare i tasselli e ricostruire un puzzle che sembrava impossibile ricomporre.

Cerchiamo di unire i pezzi del puzzle, tra i miei vaghi ricordi, le testimonianze, le ipotesi. Si brancola ancora nel buio ma l’obiettivo è ben saldo nella mente di tutti: trovare l’artefice e nulla va lasciato al caso.

13. Riordinare le idee

Dobbiamo evitare che i limiti del nostro essere possano diventare i limiti del nostro mondo.

Riordinare le idee, ricominciare nonostante la paura. La paura è un’emozione destabilizzante, quasi come la paralisi della vita, che sembra mostrare un’ombra che mai avresti immaginato.

14. La tana dei ricordi

Nel frattempo, al rumore di foglie secche sempre più accentuato si aggiungeva quello di passi svelti sul pavimento dissestato. Poteva trattarsi di un animale, questo è certo, ma anche di un uomo.

Un nuovo colpo di scena stravolge il percorso fatto finora.
Un gesto inconsulto che nello stesso tempo dispiega i nodi della mia vicenda, ricongiunge il passato al presente e rimette tutto in gioco.

15. Adesso è tutto più chiaro

Un dettaglio, di sfuggita, in una frazione di secondo, che vedo e ricollego solo in questo momento, a mente più serena e distaccata…non potevo crederci. 

Quando fai certi calcoli, chiedi al tempo le ragioni, sfiorando l’idea di scendere a patti con la morte. Provo a spremere il cervello nel più ostinato dei tentativi e l’accanimento frutta gocce di rimorso. Adesso è tutto incredibilmente chiaro.

Perchè ACQUISTARLO

Tutti gli utili verranno destinati ai giovani che decideranno di intraprendere la professione di Avvocato e a servizio delle famiglie di tutti quei cittadini che nell’esercizio delle loro professioni, hanno subito violenze fisiche e morali.

In esclusiva per

Libreria Editrice Torre
di G. Gigliuto & C. sas
Via Salvatore Gallo, 27 – 95124 Catania
www.libritorre.com

Richiedi Copia Online


Punti Vendita

è possibile acquistare una copia del libro presso:

Catania:

Libreria Culc
Via Verona, 44, 95128 Catania CT

Via Vittorio Emanuele Orlando 15, Catania Tel/Fax: 095416547
info@lascelta.info

Facebook

*/?>